14 categorie di Confesercenti confluiscono in Assoturismo: a Maratea si vuole tornare subito operativi

Maratea rappresenta la storia del Turismo della Basilicata e forse anche del Sud Italia ed anche in questa circostanza traccia la rotta. In questo grave momento di difficoltà le aziende operanti nel comparto turistico già rappresentate dalle singole associazioni di categoria della Confesercenti hanno deciso di confederarsi sotto l’insegna unitaria dell’Assoturismo per avere una maggior forza, un maggior peso e per dare maggior vigore alle proprie azioni.

La prima assemblea on line della costituenda Federazione Assoturismo Confesercenti Maratea si terrà sabato 13 alle ore 11 e per accreditarsi sarà sufficiente scrivere a assoturismo.maratea@gmail.com. I leader storici dei sindacati marateoti sono Roberto Schettino della FIBA di Maratea, della provincia di Potenza e che spesso ha rappresentato l’intera regione ai tavoli nazionali, Carlo Vetromile Assocamping Maratea e provincia di Potenza nonché membro della Presidenza Nazionale e Fabio Gentile Assohotel Maratea e Responsabile Confesercenti dell’area tirrenica lucana, supportati da Antonio Adalberto Munafò della Federazione Assoturismo Potenza e dalla Confesercenti provinciale e regionale tutta.

Aggiunge Munafò: “Maratea è la storia del turismo ma vuole essere anche il presente ed il futuro e quindi da un lato si tratta di superare questo momento e dall’altro di progettare anche il futuro imminente e quello prossimo. Non dimentichiamoci che, probabilmente il Revovery Plan e le risorse economiche destinate al turismo in esso contenute, posso davvero rappresentare un’ultima vera sostanziale opportunità per fare quel salta di qualità necessario a colmare quei gap che si sono venuti a creare con il tempo con le grandi destinazioni turistiche concorrenti”

Continua Munafò: “Tutti i titolari di imprese di Maratea, dal ristoratore all’albergatore, dal negoziante alla guida turistica, tutti coloro che in proprio contribuiscono a creare l’intera filiera del turismo e magari lo fanno già da più di una generazione e che lo fanno da sempre con il proprio portafoglio a loro rischio e pericolo non hanno bisogno di riunioni e convegni dove qualcuno, che magari il turismo vero non lo ha mai fatto, spieghi loro come lo si deve fare. Le aziende del turismo di Maratea chiedono che i turisti non siano tassati, chiedono che sia dato un po si respiro alle proprie aziende, chiedono che la città sia mantenuta con maggiore cura ed attenzione e che i servizi siano più efficienti e così i trasporti. Le imprese chiedono di sapere dove finiscono i soldi della tassa di soggiorno. L’imposta di soggiorno è una tassa di scopo. Il gettito è destinato a finanziare solo interventi in materia di turismo. Gli interventi finanziati attraverso il gettito dell’imposta di soggiorno devono essere resi noti ai cittadini con adeguate forme di pubblicità per regolamento comunale. Le imprese del turismo di Maratea vogliono e devono sapere.

Anche a livello regionale vi è un grosso fermento nella Confesercenti e nelle varie sigle sindacali appartenenti al comparto turistico. I Presidenti provinciali di Potenza e Matera Giorgio Lamorgese e Angela Martino hanno dato vita ad un’iniziativa finalizzata alla creazione dell’Assoturismo Regionale alla quale le Federazioni di Potenza, Maratea e Matera stanno danno un contributo determinante

Conclude Munafò: “insomma, questa volta è innegabile che il grande fermento parta dal Sud e più specificatamente da Maratea e arrivi dritto a Roma passando dalla Basilicata ed a rendere più credibile tale affermazione è che a farla è un non lucano come me, di origini siciliane, come anche il Presidente Assoturismo Confesercenti Vittorio Messina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *